Mamma(e)Punto

Arianna Curti

Mi chiamo Arianna sono mamma di due bimbi e foodblogger per hobby. Mi piace cucinare e cerco sempre ricette semplici e alla portata di tutti.

Diana Labaguer

Alessandrina di nascita vagabonda per animo. Innamorata della montagna e accompagnatrice di Alpinismo Giovanile del Cai sezione di Alessandria. Mamma di Tommaso, 2 anni, portato sin da subito in fascia o nel marsupio in giro per le montagne italiane. Ho creato un travel blog che si chiama Bimbi in spalla e una pagina Facebook dove condivido  i miei itinerari per permettere ad altre mamme & papà di andare in mezzo alla natura, conoscere posti nuovi e rigenerarsi lontano dalla città… tutto a misura bimbo.

Giorgia Dessì

Ciao sono Giorgia, mamma 32enne di una bimba italo-neozelandese, insegnante e traduttrice freelance per le lingue inglese e giapponese, viaggiatrice appassionata di multiculturalità e bilinguismo, nonché dell’impatto positivo che l’apprendimento delle lingue straniere ha sullo sviluppo psicologico, emotivo e relazionale del bambino e dell’adulto. Dal 2013 mi occupo di trasmettere ai miei studenti, di ogni età e nazionalità, la mia personale visione dell’apprendimento linguistico: non esistono persone più o meno “portate per le lingue”; tutti siamo accomunati da un’esigenza innata e fortissima: COMUNICARE. Prediligo quindi il metodo di insegnamento comunicativo/deduttivo, che parta dalla conversazione reale per trarre le regole linguistiche che ci permettono via via di esprimerci in maniera sempre più vicina a un parlante nativo.

Paola Vitale

Sono Paola, 40enne impiegata part time, mamma di due ragazzini insolenti. Combatto ogni giorno per sopravvivere in un Paese che non è fatto per avere figli, adoro la tranquillità della nostra casetta in campagna, mi piace autoprodurre quanto più possibile, sperimentare in cucina con ingredienti semplici e a km0, sono appassionata di letteratura per l’infanzia e per ragazzi, amo gli animali e la montagna. Asociale da sempre, sono un’attenta osservatrice. Collaboro al progetto Punto e Mamma per parlare in maniera un po’ scanzonata e dissacrante, ma sempre veritiera, della genitorialità, perché ovviamente è l’esperienza più incredibile che si possa fare, ma non sono solo rose e fiori: ci sono anche tantissime spine ed è giusto sapere che se ci si punge un dito non è per nostra incapacità, ma, semplicemente, fa parte del pacchetto.

Rina Daniela Rosati

Buongiorno, mi chiamo Rita Daniela, ma praticamente tutti mi chiamano solo Daniela. Ho 35 anni e sono mamma di tre piccolini. Da quando ci sono loro faccio la mamma a tempo pieno, ma vengo da un passato nell’ambito educativo. Sono un’educatrice prima infanzia con esperienza con i piccolissimi 0-3 anni e anche con bimbi più grandi con disabilità. Il mio lavoro di oggi, la mamma, è in assoluto il più bello del mondo, seppur difficile e spesso stancante, ma le mie “origini”, a cui un giorno vorrei tornare, sono importantissime! Senza di esse, senza la mia esperienza educativa, senza i bambini e le famiglie che ho incontrato nei miei 12 anni di lavoro, non sarei quella che sono oggi.

Lara Rossini

Lara, 38 anni, mamma di due splendidi bambini – Emanuele ed Ester (11 e 8 anni) – lavora a Milano per una prestigiosa azienda che si occupa di beni di lusso, vive in un piccolo paese immerso tra le colline, ama gli animali, la natura e le serate con gli amici. Non perde mai occasione per dirti ciò che pensa con leggerezza scanzonata. Non si prende mai troppo sul serio. Tra i suoi libri preferiti “Il Diario della Signorina Snob” dell’intramontabile Franca Valeri pubblicato nel 1951. “La Signorina Snob è rimasta la ragazza di allora, ferma nella sua vita demenziale, agitata dai nuovi trastulli che offre oggi la vita e che il suo cervello elabora con l’alternanza storica di stupidità e acuta intuizione che l’ha sempre identificata. Lei rappresenta sempre qualche cosa di cui la società ha bisogno, magari per riderne”.